Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Acraf S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Acraf S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

PROBLEMI & SOLUZIONI - Seleziona la voce di tuo interesse.

Lo stress è sinonimo di affaticamento, di impegno eccessivo, di pressione sul lavoro e talvolta anche di uno stato emozionale percepito come negativo da accumulo di tensioni. Anche gli stili di vita producono e rafforzano lo stress. Il rischio è che il nostro “motore” sotto sforzo possa fondere, ed il primo organo a pagare per questo modo di vivere è il nostro cervello. E l’ansia è il segnale di allarme che questo organo ci manda. Ansia intesa come reazione emozionale patologica e incontrollabile: la nostra vita si trasforma in tensione continua, apprensione, nervosismo, irrequietezza, incertezza, paura.

Anche i disturbi del sonno possono essere legati allo stress: un buon riposo notturno è fondamentale per la salute. Per disturbo del sonno si intende quella condizione in cui i ritmi del sonno sono anormali al punto da interferire con il corretto funzionamento fisico, mentale ed emotivo: lo stress o l’ansia possono essere la causa di una notte insonne ed anche di una serie di altri problemi. L’insonnia è il termine clinico usato per le persone che hanno difficoltà ad addormentarsi, a mantenere il sonno, che si svegliano troppo presto al mattino, o che si svegliano senza sentirsi riposati. Per chi soffre di ansia l’insonnia fa parte di un circolo vizioso: molti altri sintomi tra cui lo stress eccessivo, la preoccupazione persistente, i disturbi gastrointestinali e gli incubi riescono con molta probabilità a rubare preziose ore di sonno.

Ansia

L'ansia è uno stato di tensione diffuso e persistente che non abbandona mai chi ne soffre. Lo stato emotivo associato a una condizione di allerta verso qualcosa di esterno di solito si caratterizza per un eccesso di preoccupazione, una reazione esagerata rispetto alle reali condizioni. Tra i sintomi del malessere psicofisico troviamo manifestazioni che possono investire uno o più organi simultaneamente e dar luogo a disturbi intestinali, tachicardia, extrasistoli, tremori, ronzii auricolari, sensazione di soffocamento. Anche crampi allo stomaco e debolezza sono altre condizioni che possono accompagnare gli stati ansiosi, i quali possono avere un andamento cronico o manifestarsi improvvisamente (attacchi d’ansia). La fitoterapia è da sempre un valido rimedio contro gli stati ansiosi di lieve entità e come coadiuvante alla terapia tradizionale nei casi più complessi.

Biancospino

Appartenente al genere Crataegus, il nome Biancospino viene associato a diverse specie.

Parti usate:

Per tutto il genere Crataegus ( azarolus, curvisepala, laevlgata , monogyna,nigra, oxyacantha medicu e pentagyna) le parti utilizzate per le preparazioni salutistiche sono fo...

Composizione:

Costituenti principali sono i flavonoidi, tra cui quercitina, vitexina e iperoside. Sono presenti anche amine, derivati xantici, vitamine e minerali.

Proprietà:

Per le relative parti usate ogni specie vanta un’azione sulla regolare funzionalità dell'apparato cardiovascolare con associata azione favorente la regolarità della pressione a...

Passiflora

Passiflora incarnata L.

Parti usate:

I frutti, o l’intera erba della passiflora vengono usati per la preparazione di prodotti salutistici.

Composizione:

Tra gli importanti complessi che troviamo nella passiflora sono presenti flavonoidi, alcaloidi dell’armano e glicosidi cianogenetici.

Proprietà:

L’erba è dotata di un’attività antiossidante. Aiuta a contrastare i disturbi del ciclo mestruale, quelli della menopausa contribuendo inoltre al rilassamento (sonno). Favorisce ...

Valeriana

La Valeriana officinalis L. è considerata la valeriana comune, ma vengono usate correntemente anche la Valeriana celtica, Valeriana officinalis L. ssp. sambucifolia e la Valeriana phu L..

Parti usate:

Della valeriana comune (Valeriana officinalis) vengono utilizzate sia le radici che il rizoma, per le altre specie (Valeriana celtica, officinalis ssp. sambucifolia e phu) vien...

Composizione:

Nella Valeriana troviamo degli iridoidi, tra cui valtrato, diidroaltrato e acevaltrato, che nel loro insieme prendono il nome di valepotriati. Inoltre contiene un olio volatile ...

Proprietà:

Tutte le specie di Valeriana citate favoriscono il rilassamento, quelle celtica e phu contribuiscono al benessere mentale, quella officinalis favorisce il sonno.