Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Acraf S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Acraf S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

PROBLEMI & SOLUZIONI - Seleziona la voce di tuo interesse.

Il corretto funzionamento del nostro apparato digerente è fondamentale per mantenere una buona qualità di vita e per sentirci bene. Tuttavia la digestione difficile, cattiva o lenta, che spesso è accompagnata da nausea, pesantezza epigastrica, sonnolenza, cefalea o addirittura vomito, è un disturbo piuttosto comune ed è indice di problematiche a livello gastroenterico e a volte anche di concomitanti problemi epatici.

In questa situazione sono anche favorite le fermentazioni a livello dell’intestino, con formazione di gas, alitosi, lingua sporca e impastata, questo perché vengono alterati i normali tempi di svuotamento dell’apparato gastrointestinale. La nausea e il vomito costituiscono dei meccanismi fisiologici con cui l'organismo cerca di liberarsi di cibi o sostanze tossiche o pericolose. Per questo motivo è di solito conveniente non ostacolarli, ma cercare anzi di comprenderne il senso e di facilitarli. Se sono episodi occasionali, possono manifestare il rifiuto di un alimento non gradito o uno stato di particolare affaticamento dello stomaco, e in questi casi è utile intervenire con i rimedi naturali.

Per quanto riguarda l’intestino, anche la stitichezza può causare un notevole abbassamento della qualità della vita. Un blocco del transito intestinale infatti è spesso vissuto come un problema che condiziona la vita sociale. La stipsi è spesso provocata da uno stile di vita sbagliato, caratterizzato da un'alimentazione scorretta e dalla sedentarietà.

Aerofagia

L'aerofagia è una disfunzione dell'apparato digerente che consiste nella tendenza ad ingoiare aria, che va nello stomaco in quantità eccessiva. In condizioni fisiologiche normali l'eccessiva deglutizione avviene durante i pasti, quando oltre al cibo la persona ingurgita anche aria. L’aerofagia provoca un rigonfiamento gassoso dell'addome con conseguente meteorismo e frequenti eruttazioni e flatulenze. Può causare inoltre dolore, che talvolta è difficile da diagnosticare.

Carbone vegetale

Descrizione:

Il carbone vegetale veniva già usato come adsorbente (sostanza in grado di trattenere liquidi e gas) in Egitto nel 1500 a.c e per filtrare l’acqua potabile. Il carbone vegetale ...

Fonti alimentari:

Si può ottenere da qualsiasi sostanza organica a elevato contenuto di carbonio, le fonti più usate sono il legno, la copertura delle noci di cocco e la torba. Ogni materiale por...

Proprietà:

Per le sue caratteristiche adsorbenti il carbone attivo viene utilizzato per contribuire alla riduzione dell’eccessiva flatulenza post-prandiale.

Finocchio

Foeniculum vulgare Miller.

Parti usate:

Del finocchio vengono utilizzati sia i semi, che l’olio essenziale (aetheroleum) che se ne estrae.

Composizione:

Nei semi di finocchio è presente questo olio volatile dal quale derivano le principali proprietà. L’olio è costituito principalmente da anetolo, fencone, pinene e limonene. Inol...

Proprietà:

I frutti e l’essenza del finocchio sono noti per favorire la funzione digestiva, la regolare motilità gastrointestinale e l’ eliminazione dei gas. Contribuiscono al drenaggio de...