Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Acraf S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Acraf S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

PROBLEMI & SOLUZIONI - Seleziona la voce di tuo interesse.

Il corretto funzionamento del nostro apparato digerente è fondamentale per mantenere una buona qualità di vita e per sentirci bene. Tuttavia la digestione difficile, cattiva o lenta, che spesso è accompagnata da nausea, pesantezza epigastrica, sonnolenza, cefalea o addirittura vomito, è un disturbo piuttosto comune ed è indice di problematiche a livello gastroenterico e a volte anche di concomitanti problemi epatici.

In questa situazione sono anche favorite le fermentazioni a livello dell’intestino, con formazione di gas, alitosi, lingua sporca e impastata, questo perché vengono alterati i normali tempi di svuotamento dell’apparato gastrointestinale. La nausea e il vomito costituiscono dei meccanismi fisiologici con cui l'organismo cerca di liberarsi di cibi o sostanze tossiche o pericolose. Per questo motivo è di solito conveniente non ostacolarli, ma cercare anzi di comprenderne il senso e di facilitarli. Se sono episodi occasionali, possono manifestare il rifiuto di un alimento non gradito o uno stato di particolare affaticamento dello stomaco, e in questi casi è utile intervenire con i rimedi naturali.

Per quanto riguarda l’intestino, anche la stitichezza può causare un notevole abbassamento della qualità della vita. Un blocco del transito intestinale infatti è spesso vissuto come un problema che condiziona la vita sociale. La stipsi è spesso provocata da uno stile di vita sbagliato, caratterizzato da un'alimentazione scorretta e dalla sedentarietà.

Fegato pigro

Il fegato è un organo fondamentale per il benessere del nostro corpo. Infatti un fegato pigro o intossicato influenza la salute dell’intero organismo, rallentandone le funzioni principali come quelle intestinali, influendo negativamente sull’umore, sul peso e sulla salute della pelle e debilitando il sistema immunitario.

In particolare, quando al fegato appesantito si associano sintomi come stitichezza e mancanza di energia, può essere utile, oltre ad aumentare il consumo di acqua (fondamentale per depurare il fegato), aiutarsi con alcuni efficaci rimedi naturali.

Betulla

Betula lenta L..

Parti usate:

Della Betulla si utilizzano le foglie, la corteccia e l’essenza (aetheroleum). Quest’ultima si ricava dalla stessa corteccia, che si stacca in placche dall’albero; viene raccol...

Composizione:

Il costituente principale di queste parti della Betulla è la Gaulterina. Trasforamta, soprattutto nell’olio essenziale, in salicilato di metile, dopo processo enzimatico che a...

Proprietà:

La Betulla favorisce la funzionalità articolare, interviene sulla regolarità del processo di sudorazione e contrasta gli stati di tensione localizzati.

Carciofo

Cynara scolymus L..

Parti usate:

Vengono sfruttate per fini salutistici sia le infiorescenze (capitula) che le foglie del carciofo.

Composizione:

Il costituente principale del Carciofo è l’acido caffeico, unito a una miscela di terpeni e flavonoidi.

Proprietà:

Le foglie hanno una funzione digestiva, depurativa dell’organismo e favorente la funzione epatica. Contribuiscono all’eliminazione dei gas intestinali. Favoriscono inoltre il m...

Cardo Mariano

Silybum marianum Gaertner.

Parti usate:

Molte sono le parti utilizzate del cardo mariano per fini salutistici: i frutti, l’erba e i semi (tegumen seminis).

Composizione:

Il cardo mariano contiene un gruppo di composti, denominati complessivamente silimarina, tra cui troviamo silibina, silicristina e silidianina, tre forme della stessa molecola ...

Proprietà:

I frutti e i semi (tegumen seminis)e l’erba del cardo vengono utilizzati per favorire la funzione digestiva e la funzionalità epatica. I frutti e i semi inoltre Contribuiscono...

Tarassaco

Taraxacum officinale Weber.

Parti usate:

Del tarassaco si utilizzano le radici, le foglie oppure l’erba con le radici.

Composizione:

Il taraxasterolo è la sostanza più rilevante isolata dalla pianta; altri contenuti sono l’inulina, fitosteroli e vitamine del gruppo B.

Proprietà:

La radice e l’erba con la radice favoriscono la funzione digestiva e quella epatica, inoltre donano regolarità del transito intestinale e contribuiscono alle funzioni depurative...