Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Acraf S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Acraf S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

PROBLEMI & SOLUZIONI - Seleziona la voce di tuo interesse.

Il corretto funzionamento del nostro apparato digerente è fondamentale per mantenere una buona qualità di vita e per sentirci bene. Tuttavia la digestione difficile, cattiva o lenta, che spesso è accompagnata da nausea, pesantezza epigastrica, sonnolenza, cefalea o addirittura vomito, è un disturbo piuttosto comune ed è indice di problematiche a livello gastroenterico e a volte anche di concomitanti problemi epatici.

In questa situazione sono anche favorite le fermentazioni a livello dell’intestino, con formazione di gas, alitosi, lingua sporca e impastata, questo perché vengono alterati i normali tempi di svuotamento dell’apparato gastrointestinale. La nausea e il vomito costituiscono dei meccanismi fisiologici con cui l'organismo cerca di liberarsi di cibi o sostanze tossiche o pericolose. Per questo motivo è di solito conveniente non ostacolarli, ma cercare anzi di comprenderne il senso e di facilitarli. Se sono episodi occasionali, possono manifestare il rifiuto di un alimento non gradito o uno stato di particolare affaticamento dello stomaco, e in questi casi è utile intervenire con i rimedi naturali.

Per quanto riguarda l’intestino, anche la stitichezza può causare un notevole abbassamento della qualità della vita. Un blocco del transito intestinale infatti è spesso vissuto come un problema che condiziona la vita sociale. La stipsi è spesso provocata da uno stile di vita sbagliato, caratterizzato da un'alimentazione scorretta e dalla sedentarietà.

Stitichezza nei bambini

Di solito la stitichezza dei bambini è di tipo funzionale (non anatomico) ed è dovuta principalmente a due cause: alimentazione e motivi di ordine psicologico. La stipsi d’origine alimentare è dovuta all’insufficiente introduzione di fibre e liquidi nella dieta. Quella di tipo psicologico può essere causata da situazioni di stress o paura. A volte la stitichezza insorge dopo un malessere, come la febbre, che ha disidratato il bambino: se le feci emesse sono dure e causano dolore (talvolta con ragadi anali e sanguinamento), il bambino può aver timore di ripetere l’esperienza e trattenere la cacca, innescando un circolo vizioso. In caso di stitichezza, occasionale o cronica, non esiste un singolo rimedio ma molteplici, da mettere in pratica contemporaneamente: aumentare l’introduzione di liquidi, frutta e verdura, praticare attività fisica e consumare cereali integrali.

Fibersol-2

Descrizione:

Il Fibersol-2 è una fibra alimentare solubile ricavata dal granoturco. La fibra è una lunga catena costituita da polisaccaridi a basso peso molecolare che si differenziano per l...

Fonti alimentari:

Il Fibersol-2 viene ricavato dal granoturco. Altre fibre alimentari si trovano in tutti i cereali, come avena, orzo, segale e frumento.

Proprietà:

Le fibre alimentari contribuiscono in genere all’accelerazione del transito intestinale e all’aumento della massa fecale, in alcuni, casi come per le fibre prebiotiche, agiscono...

Tarassaco

Taraxacum officinale Weber.

Parti usate:

Del tarassaco si utilizzano le radici, le foglie oppure l’erba con le radici.

Composizione:

Il taraxasterolo è la sostanza più rilevante isolata dalla pianta; altri contenuti sono l’inulina, fitosteroli e vitamine del gruppo B.

Proprietà:

La radice e l’erba con la radice favoriscono la funzione digestiva e quella epatica, inoltre donano regolarità del transito intestinale e contribuiscono alle funzioni depurative...