Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Angelini S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Angelini S.p.A. impiega cookie di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Proseguendo la navigazione sul sito mediante l’accesso a qualunque sua area o la selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un’immagine o di un link) acconsentirai all’uso dei cookie. Al seguente link troverai la nostra informativa estesa sui cookie con la descrizione delle categorie presenti e i link con le informative delle terze parti quali titolari autonomi del trattamento nonché avrai la possibilità di decidere quali cookie autorizzare ovvero se negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookie.

PROBLEMI & SOLUZIONI - Seleziona la voce di tuo interesse.

Il corretto funzionamento del nostro apparato digerente è fondamentale per mantenere una buona qualità di vita e per sentirci bene. Tuttavia la digestione difficile, cattiva o lenta, che spesso è accompagnata da nausea, pesantezza epigastrica, sonnolenza, cefalea o addirittura vomito, è un disturbo piuttosto comune ed è indice di problematiche a livello gastroenterico e a volte anche di concomitanti problemi epatici.

In questa situazione sono anche favorite le fermentazioni a livello dell’intestino, con formazione di gas, alitosi, lingua sporca e impastata, questo perché vengono alterati i normali tempi di svuotamento dell’apparato gastrointestinale. La nausea e il vomito costituiscono dei meccanismi fisiologici con cui l'organismo cerca di liberarsi di cibi o sostanze tossiche o pericolose. Per questo motivo è di solito conveniente non ostacolarli, ma cercare anzi di comprenderne il senso e di facilitarli. Se sono episodi occasionali, possono manifestare il rifiuto di un alimento non gradito o uno stato di particolare affaticamento dello stomaco, e in questi casi è utile intervenire con i rimedi naturali.

Per quanto riguarda l’intestino, anche la stitichezza può causare un notevole abbassamento della qualità della vita. Un blocco del transito intestinale infatti è spesso vissuto come un problema che condiziona la vita sociale. La stipsi è spesso provocata da uno stile di vita sbagliato, caratterizzato da un'alimentazione scorretta e dalla sedentarietà.

Stitichezza occasionale

La stitichezza occasionale è una condizione che può provocare una sensazione di peso addominale e difficile digestione. Questi disagi, se si prolungano nel tempo, possono avere effetti negativi anche sull’umore. La stitichezza occasionale può essere collegata a vari fattori quali viaggi, cambiamenti di clima o di alimentazione, ritmi di vita stressanti o ad abitudini non corrette: ad esempio, un’alimentazione non equilibrata o la mancanza di attività fisica. Per contrastare la stitichezza occasionale è opportuno seguire una serie di accorgimenti: riequilibrare l’alimentazione privilegiando frutta e verdura; assumere un’adeguata quantità di fibre; bere almeno 2 litri di acqua al giorno; praticare attività fisica ed evitare le situazioni stressanti. Quando non basta si può ricorrere occasionalmente all’utilizzo di lassativi di origine naturale.

Senna

Al genere Cassia appartengono molte piante utilizzate per fini salutistici: Cassia acutifolla DEL., Cassia angustifolia VAHL, Cassia fistula L., Cassia italica F.W. ANDR., Cassia mimosoides L. var. NOMAME MAKINO, Cassia occidentalis L..

Parti usate:

Per tutte le specie vengono utilizzate le foglie, a parte che per la Cassia fistula, della quale si usa il frutto o la polpa del frutto. Anche per le specie Cassia senna, angus...

Composizione:

Le proprietà della senna sono riconducibili a una serie di antrachinoni contenuti, tra i quali spiccano i snnosidi A e B e la reina.

Proprietà:

Tutte le specie della cassia nominate favoriscono la regolarità del transito intestinale, eccetto la C. mimosoides che contribuisce all’equilibrio del peso corporeo e al metabol...