Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Acraf S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Acraf S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

PROBLEMI & SOLUZIONI - Seleziona la voce di tuo interesse.

In Italia e nel mondo le persone affette da reumatismi sono milioni. Le terapie standard proposte dalla medicina convenzionale non sempre producono risultati apprezzabili e duraturi e spesso provocano effetti collaterali anche gravi. La medicina alternativa può risultare efficace nella cura di numerose patologie reumatiche, tra cui artrosi ed artriti acute e croniche, come quelle a carico delle ginocchia, dei piedi e delle mani.

Bisogna poi precisare che il comune denominatore delle malattie reumatiche è rappresentato non tanto dal dolore, che in alcuni casi si manifesta solo quando i danni diventano rilevanti, ma dalla progressiva degenerazione dei tessuti colpiti e di quelli coinvolti. Spesso chi soffre di questo tipo di patologie tende a concentrare i propri sforzi nella lotta contro il dolore, che nei casi più gravi può essere anche invalidante, trascurando l'aspetto più importante, cioè la degenerazione dei tessuti interessati dalla malattia. A lungo andare, infatti, le malattie reumatiche possono causare danni importanti con riduzione della funzionalità delle articolazioni colpite. Per evitare questo tipo di danni o ritardarne quanto più possibile la comparsa, oltre alla diagnosi tempestiva e alle cure del caso, è fondamentale una corretta prevenzione. La fitoterapia e l'integrazione alimentare, ad esempio, offrono un valido aiuto sia nel combattere dolore e infiammazioni, che nel rallentare la degenerazione dei tessuti.

Visione notturna insufficiente

Il deficit visivo negli ambienti scarsamente illuminati spesso è dovuto a delle carenze vitaminiche, in particolar modo la vitamina A. Tale forma di cecità (detta anche cecità notturna) si verifica perché la retina ha perso parzialmente la propria sensibilità a causa della carenza di tale vitamina. Oltre a seguire una dieta sana e ricca di vitamine, può essere quindi utile integrare la vitamina A quando si riscontrano problemi visivi soprattutto nelle ore notturne.

Mirtillo nero

Vaccinium myrtillus L.

Parti usate:

Del mirtillo nero vengono utilizzati i frutti, le foglie e i giovani getti.

Composizione:

Nei frutti e nelle foglie del mirtillo è stato isolato, oltre a tannini, zuccheri e acidi organici, un glucoside antocianico denominato mirtillina.

Proprietà:

I frutti del mirtillo nero favoriscono la funzionalità del microcircolo nel caso di disturbi di pesantezza delle gambe. Hanno inoltre un’azione antiossidante e favoriscono il be...

Vite rossa

Vitis vinifera L.

Parti usate:

Dell’uva si usano le foglie, i frutti, le gemme, i semi e l’olio.

Composizione:

Famosi sono anche i contenuti dell’uva: tannini e antocianidine.

Proprietà:

Le foglie e i semi favoriscono la funzionalità del microcircolo in caso di pesantezza delle gambe. Hanno un’attività antiossidante e contribuiscono alla regolare funzionalità d...