Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Acraf S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Acraf S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Deperimento psicofisico

Deperimento psicofisico

Dossier - Deperimento psicofisico



L’inappetenza è uno dei sintomi che caratterizza il deperimento psicofisico, una condizione più diffusa di quello che si pensa. Esso può essere la conseguenza di malattie acute e croniche come: diabete mellito, insufficienza epatica, insufficienza renale, infezioni virali o batteriche.
Il deperimento può manifestarsi anche insieme ad altri problemi: l’anemia (diminuzione del numero dei globuli rossi o della quantità di emoglobina in essi contenuta), e bassa tensione arteriosa.

Mangiare è fondamentale non soltanto per sopravvivere, ma anche per fornire al corpo l’energia che serve per svolgere tutte le funzioni sia fisiche che intellettuali: camminare, parlare, pensare, imparare, ricordare…
Quando manca l’appetito, ingerire cibo non è più un piacere, diventa anzi un vero e proprio sforzo. L’organismo viene privato del “carburante”, rendendo faticosa qualsivoglia attività.

Il deperimento riguarda dunque l’organismo, ma può anche coinvolgere la sfera psichica, soprattutto se l’inappetenza è indotta da situazioni di stress. Lo stato di generale debolezza porta infatti con sé ansia, diminuzione delle capacità mnemoniche, sonnolenza e svogliatezza.
 

Nota:

  1. Il Pensiero Scientifico Editore
  2. Il Progetto Cuore, a cura dell’Istituto superiore di Sanità, 2007;
  3. Salus.it
  4. Lifegate.it
  5. Kiviniemi T.O. et al. A moderate dose of red wine and de-alcoholized red wine increases coronary flow reserve.Atherosclerosis. 2007 Dec;195(2):e176-81. Epub 2007 Jul 26.
  6. Chao C. Associations between beer, wine, and liquor consumption and lung cancer risk: a meta-analysis Cancer Epidemiol Biomarkers Prev. 16(11):2436-47, 2007.
  7. Dell’Agli M. et al. Gli effetti positivi sui vasi sanguigni dei polifenoli presenti nell’uva rossa. Cardiovasc Res. 63(4):593-602, 2004.
  8. Renaud SC et al. Moderate wine drinkers have lower hypertension-related mortality: a prospective cohort study in French men. Am J Clin Nutr. 80(3):621-5, 2004.
  9. Dorn JM et al.: Alcohol drinking pattern and non-fatal myocardial infarction in women. Addiction 102(5):730-9, 2007.
  10. Strandberg TE et al.: Alcoholic beverage preference, 29-year mortality, and quality of life in men in old age. J Gerontol A Biol Sci Med Sci 62(2):213-8, 2007.
  11. Linee guida per una sana alimentazione italiana, a cura dell’Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN), Ed. 2003.

08-11-2013

Potrebbe interessarti anche: