Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Acraf S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Acraf S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Inappetenza

Inappetenza

Dossier - Inappetenza



Disturbo alimentare che comporta un calo di appetito, e che, a lungo andare, può portare a un deperimento psico-fisico, per mancanza di sostanze nutritive.
Il disturbo può essere sia occasionale e limitato nel tempo (ad esempio quando arriva il caldo della stagione estiva, oppure in caso di una banale influenza) sia prolungato (questa condizione può essere sintomo di disturbi più seri, che coinvolgono, ad esempio, l’area gastrointestinale, renale, ematica e metabolica).

Talvolta l’inappetenza non è legata a una malattia organica, ma può dipendere da uno stato di ansia, o di depressione. Quando l’inappetenza ha origine psichiatrica, nella peggiore delle ipotesi, può essere premessa dell’anoressia.

Come per altri disturbi legati all’alimentazione, il difficile rapporto con il cibo indica un disagio di tipo psichico e non fisico. Per “fare amicizia” con il cibo può essere utile mettere in pratica alcune regole comportamentali, che aiutino a raggiungere un equilibrio tra mente e corpo.

L’inappetenza non risparmia nè i bambini nè gli adolescenti, ed è sempre motivo di grande apprensione da parte dei genitori.

Così come esistono piante che hanno proprietà sazianti, si trovano validi rimedi naturali per contrastare la mancanza di appetito, sia per gli adulti che per i più piccoli.
 

Nota:

  1. Il Pensiero Scientifico Editore
  2. Il Progetto Cuore, a cura dell’Istituto superiore di Sanità, 2007;
  3. Salus.it
  4. Lifegate.it
  5. Kiviniemi T.O. et al. A moderate dose of red wine and de-alcoholized red wine increases coronary flow reserve.Atherosclerosis. 2007 Dec;195(2):e176-81. Epub 2007 Jul 26.
  6. Chao C. Associations between beer, wine, and liquor consumption and lung cancer risk: a meta-analysis Cancer Epidemiol Biomarkers Prev. 16(11):2436-47, 2007.
  7. Dell’Agli M. et al. Gli effetti positivi sui vasi sanguigni dei polifenoli presenti nell’uva rossa. Cardiovasc Res. 63(4):593-602, 2004.
  8. Renaud SC et al. Moderate wine drinkers have lower hypertension-related mortality: a prospective cohort study in French men. Am J Clin Nutr. 80(3):621-5, 2004.
  9. Dorn JM et al.: Alcohol drinking pattern and non-fatal myocardial infarction in women. Addiction 102(5):730-9, 2007.
  10. Strandberg TE et al.: Alcoholic beverage preference, 29-year mortality, and quality of life in men in old age. J Gerontol A Biol Sci Med Sci 62(2):213-8, 2007.
  11. Linee guida per una sana alimentazione italiana, a cura dell’Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN), Ed. 2003.

08-11-2013

Potrebbe interessarti anche: