Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Acraf S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Acraf S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Antibiotici naturali

Antibiotici naturali

Dossier - Antibiotici naturali



Il fitoterapico più utilizzato contro il mal di gola è la propoli, una sostanza resinosa, bruna, prodotta dalle gemme delle conifere e dei pioppi, che le api rielaborano con secrezioni salivari e cera. È una miscela complessa di sostanze, di composizione variabile a seconda del periodo e del luogo di raccolta. Numerosi studi, eseguiti in vitro e in vivo, sostengono l'uso tradizionale della propoli nel trattamento di diversi tipi di infezioni, in particolare del cavo orale e delle vie respiratorie, e per il trattamento delle malattie da raffreddamento e dell'influenza.

Galangina e pinocembrina, due flavonoidi che costituiscono i principi attivi più importanti, in base alla concentrazione hanno proprietà battericide e batteriostatiche. Queste sono dovute alla capacità di causare la lisi della parete cellulare e l'inibizione della sintesi proteica per azione sul DNA batterico. La propoli ha dimostrato attività antivirale nei confronti dei virus del raffreddore, dell'influenza e di Herpes Simplex, e attività antinfiammatoria, per inibizione della produzione di prostaglandine e leucotrieni.

La propoli può causare gravi reazioni allergiche: non deve essere assunta dalle persone allergiche al polline e alle punture di api, mentre nei bambini che non ne hanno mai fatto uso è consigliabile cominciare con piccole dosi. Inoltre l'Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco) in una pubblicazione dedicata alla fitoterapia, consiglia alle donne in gravidanza di evitare i fitoterapici contenenti oli essenziali, tra cui anche la propoli.

Si sono osservate proprietà antibatteriche anche per l'idraste: la droga è data dalla radice della pianta e i principi attivi sono idrastina, berberina e canadina. Gli studi sono stati incentrati sulla berberina, che ha mostrato proprietà antibatteriche e immunostimolanti. È infatti in grado di uccidere un ampio spettro di germi e di attivare i leucociti, aumentando le capacità di difesa dell'organismo nei confronti degli agenti patogeni. Si è quindi dimostrata utile per combattere influenza e infezioni, spesso in associazione con altre piante. La si può trovare combinata a echinacea nei prodotti per rafforzare il sistema immunitario o nella composizione dei collutori contro il mal di gola. Idrastina e berberina agiscono anche sui vasi periferici e sul cuore, pertanto l'idraste non deve essere utilizzata da chi soffre di ipertensione o malattie cardiovascolari e dalle donne durante la gravidanza e l'allattamento.

14-11-2013

Potrebbe interessarti anche: