Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Acraf S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Acraf S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Azione antibatterica della propoli

Azione antibatterica della propoli

Dossier - Azione antibatterica della propoli



La propoli è uno dei migliori antibatterici naturali, la cui attività è di tipo sia batteriostatico, cioè capace di danneggiare i batteri ma non di ucciderli, sia battericida, cioè capace di distruggere i germi con cui viene a contatto. L'azione battericida si osserva a concentrazioni elevate del fitocomplesso, mentre a quelle più basse prevale quella batteriostatica. Tale azione sembra dovuta agli acidi organici e ai flavonoidi.

L'azione antibatterica della propoli si esercita soprattutto ai danni al nucleo della cellula batterica, ma anche alla riduzione della produzione di acido folico, a danni ai mitocondri (i principali responsabili della produzione di energia nelle cellule) e alla membrana cellulare. La propoli è anche capace di inibire di circa il 50% la capacità dei batteri di aderire alle cellule ospiti e quindi di infettarle.

Uno studio clinico ha valutato l’azione antibatterica della propoli sui batteri presenti nel cavo orale. Sono stati arruolati 10 volontari, che assumevano 1 goccia per kg di peso al giorno di soluzione idroalcoolica di propoli per 2 settimane, con valutazione della popolazione di Streptococcus mutans presente in bocca.
Si è visto che la propoli riduceva in modo significativo il numero di questi germi ella saliva. Prelievi di saliva ottenuti dai partecipanti allo studio confermavano l’azione antibatterica della propoli, che danneggiava in modo evidente le cellule batteriche esaminate.

14-11-2013

Potrebbe interessarti anche: