Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Angelini S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Angelini S.p.A. impiega cookie di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Proseguendo la navigazione sul sito mediante l’accesso a qualunque sua area o la selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un’immagine o di un link) acconsentirai all’uso dei cookie. Al seguente link troverai la nostra informativa estesa sui cookie con la descrizione delle categorie presenti e i link con le informative delle terze parti quali titolari autonomi del trattamento nonché avrai la possibilità di decidere quali cookie autorizzare ovvero se negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookie.

Echinacea per potenziare il sistema immunitario

Echinacea per potenziare il sistema immunitario

Dossier - Echinacea per potenziare il sistema immunitario



Famiglia: Asteraceae. Botanicamente le specie più attive dal punto di vista medicamentoso sono la Purpurea e l'Angustifolia. Anche la Pallida è abbastanza valida.

Habitat: Nord America e Messico. Attualmente coltivata in molti paesi temperati del globo.

Parte usata: tutta la parte aerea e le radici.

Preparazione farmaceutica consigliata: estratto secco nebulizzato e titolato in echinacoside min.0,6% (Farmacopea Francese X ed.). L'estratto secco più valido in Italia è quello titolato in echinacoside al 4% e in polisaccaridi al 5%. Dose giornaliera ottimale di echinacoside 0,3 mg/kg.

Composizione chimica: Acidi caffeico, clorogenico e dicafeilchinici, in particolare cinarina e verbascoside. Esteri osidici dell'acido caffeico, soprattutto echinacoside. Molti composti alifatici insaturi, soprattutto alchilamidi e isobutilamidi di acidi polienici. Polisaccaridi complessi. Poliine, che sono composti molto instabili. Contiene anche numerosi flavonoidi e poco olio essenziale.

Indicazioni principali dell'Echinacea

Azione cicatrizzante: ha una notevole azione cicatrizzante a livello cutaneo, dovuta soprattutto all'inibizione di enzimi che attaccano e distruggono la pelle (jaluronidasi e elastasi). Ciò garantisce la stabilità del tessuto elastico presente nella pelle e la più rapida cicatrizzazione delle ferite.

Azione prevalente: immunostimolante aspecifico, in particolare per la prevenzione delle malattie infettive delle prime vie aeree.

Altre azioni: cicatrizzante cutanea.

Indicazioni principali: prevenzione delle malattie infettive delle prime vie aeree, sia nell'adulto sia nel bambino.




14-11-2013

Potrebbe interessarti anche: