Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Acraf S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Acraf S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Colesterolo buono e colesterolo cattivo

Colesterolo buono e colesterolo cattivo

Dossier - Colesterolo buono e colesterolo cattivo



Parlare di colesterolo buono o cattivo non è corretto. Il colesterolo, come tutti i grassi, non si dissolve nel sangue e deve essere veicolato dalle lipoproteine, le cellule che hanno il compito di veicolarlo, permetterne l'utilizzo e lo smaltimento. Ad essere buona o cattiva è la concentrazione di colesterolo che le caratterizza. Le lipoproteine che trasportano la maggior parte del colesterolo nel sangue sono: le LDL (a bassa densità) e le HDL (ad alta densità).

Il colesterolo LDL, detto 'colesterolo cattivo', trasporta dal 60% all'80% del colesterolo totale. Se è in eccesso e non è contrastato efficacemente, può lentamente accumularsi sulle pareti delle arterie. Unendosi ad altre sostanze può formare un deposito che impedisce il normale flusso sanguigno, fino a provocare una vera e propria ostruzione. Livelli più bassi di colesterolo LDL corrispondono a un minore rischio di malattie cardiache.

Il colesterolo HDL è conosciuto come 'colesterolo buono' perché un alto livello di HDL sembra proteggerci da infarti cardiaci e dail rischio di ictus cerebrali. L'HDL tende a trasportare il colesterolo dalle arterie al fegato, dove viene eliminato. Alcuni studi hanno dimostrato che l'HDL rimuove il colesterolo in eccesso dalle placche aterosclerotiche e di conseguenza rallenta la loro crescita.

14-11-2013

Potrebbe interessarti anche: