Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Acraf S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Acraf S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Indicazioni e interazioni del Biancospino

Indicazioni e interazioni del Biancospino

Dossier - Indicazioni e interazioni del Biancospino



Azione prevalente: cardioprotettiva.
Altre azioni: sedativa e ansiolitica.
Indicazioni principali: tachicardia sinusale di qualsiasi origine, scompenso cardiaco lieve o moderato, ipertensione arteriosa lieve, coadiuvante nelle malattie ischemiche del cuore.
Effetti collaterali : in rari casi può provocare disturbi di stomaco, particolarmente in pazienti affetti da gastrite e/o ulcera peptica, reversibili con la sospensione del trattamento.
Controindicazioni: Va usato con prudenza in pazienti portatori di spiccata bradicardia (frequenza cardiaca inferiore a 60 battiti al minuto) e/o di disturbi della conduzione dello stimolo elettrico nel cuore.
Interazioni con farmaci : Potenzia l\'effetto della digitale sul cuore e amplifica l\'azione bradicardizzante dei beta bloccanti e di altri farmaci dotati di questa attività.
Dati tossicoligici : Nessun effetto tossico è stato rilevato, nel ratto, in seguito alla somministrazione per bocca di dosi pari a 30, 90 o 300 mg per kg di peso al giorno per 26 settimane. Non vi sono in letteratura dati di effetti negativi sulla fertilità, sull’embrione e sul feto, per cui non è consigliabile in gravidanza e durante l’allattamento. Può essere usato in età pediatrica a partire dai 12 mesi di età.

14-11-2013

Potrebbe interessarti anche: