Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Acraf S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Acraf S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

La cattiva circolazione

La cattiva circolazione

Dossier - La cattiva circolazione



Naturalmente, un sistema complesso e delicato come quello della circolazione del sangue negli arti inferiori può essere soggetto a disturbi.
Cattiva circolazione è un termine generico che indica una serie di fastidi che possono colpire le gambe. Tra le sensazioni più comuni vi sono: pesantezza, affaticamento, gonfiore, senso di tensione, formicolii, prurito.
Le cause della cattiva circolazione sono la stanchezza, lo stare troppo in piedi, il camminare poco, l'essere sovrappeso. Queste condizioni, infatti, fanno sì che le vene e i muscoli delle gambe siano meno reattivi e rendono più difficile la risalita del sangue. Una delle conseguenze principali di una cattiva circolazione del sangue negli arti inferiori è la formazione della cellulite, un inestetismo conosciuto da tutte le donne.
Molto spesso la cattiva circolazione è un fenomeno episodico e isolato. Se invece si manifesta con frequenza possiamo essere in presenza di una vera e propria malattia venosa.

14-11-2013

Potrebbe interessarti anche: