Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Acraf S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Acraf S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Le proprietà della valeriana

Le proprietà della valeriana

Dossier - Le proprietà della valeriana



La valeriana agisce sul sistema nervoso centrale, esercitando un’azione sedativa che favorisce il sonno. Alcuni studi effettuati sugli animali, hanno dimostrato una diminuzione del movimento, dell’aggressività, per cui si può dire che la pianta ha un’attività tranquillante. Il fitocomplesso della valeriana può aumentare l’azione sedativa della melatonina sul sistema nervoso centrale. 

L’effetto sedativo e favorente il sonno della valeriana dipende dalla sua capacità di aumentare i livelli di GABA (acido gamma-aminobutirrico) nel cervello. Il GABA infatti è un aminoacido dotato di una potente azione sedativa e sonnifera.

Gli effetti sul sistema nervoso centrale del fitocomplesso della valeriana sono anche stati paragonati a quelli del diazepam e della cloropromazina, noti farmaci ad azione ansiolitica e sedativa chiamati benzodiazepine, e si è notato che sono simili a quelli di questi farmaci, ma la loro intensità è minore. Inoltre alcuni componenti di questa pianta paiono dotati di azione antispastica sulla muscolatura liscia dell’intestino.

Alcuni studi clinici effettuati su pazienti con insonnia lieve hanno dimostrato che la valeriana riduce il tempo necessario per addormentarsi e migliora la qualità del sonno nelle prime ore della notte, mentre non ha praticamente alcuna azione nelle ore successive di sonno.

I pazienti ricevevano per bocca un estratto secco titolato di valeriana a dosi comprese tra 400 e 600 mg. al giorno per periodi di tempo variabili tra i 20 e i 60 giorni, paragonando l’effetto dell’estratto di valeriana al placebo o anche alle benzodiazepine.

E’ interessante notare che queste sperimentazioni dimostrano che la pianta è quasi altrettanto efficace delle benzodiazepine nel favorire il sonno, senza provocare sonnolenza al risveglio come invece fanno alcuni farmaci sonniferi ad azione più prolungata.

In media l’84% dei pazienti trattati con la valeriana e il 73,4% di quelli trattati con oxazepam (una nota benzodiazepina) giudicavano sia l’efficacia sia la tollerabilità del trattamento in modo decisamente positivo.

Altri studi clinici rigorosi fatti su pazienti che soffrivano di sindrome ansiosa hanno dimostrato che la valeriana è abbastanza vicina come efficacia antiansiosa alle benzodiazepine ma, a differenza di questi farmaci, non provoca stordimento o sonnolenza durante il giorno e consente quindi a chi la prende di lavorare in perfetta efficienza.

Questi studi hanno dimostrato che la valeriana è utile anche in persone con ansia durante le ore del giorno. In questo caso va presa al mattino al risveglio e nel tardo pomeriggio.


Bibliografia

  • The Insomnia Solution: The Natural, Drug-Free Way to a Good Night’s Sleep, Michael Krugman, Warner Books 2005.
  • Insomnia: A Clinician’s Guide to Assessment and Treatment, Charles M. Morin, Colin A. Espie, Kluwer Academic Publishers, 2003.
  • Come vincere l’insonnia, Ezio Sanavio, Giunti Editore, 2005
  • Insonnia. Cure naturali per combatterla, Sergio Segantini, Giunti Demetra, 2007.
  • Saper dormire, Danielle Teszner, Fabbri Editore, 2005.

14-11-2013

Potrebbe interessarti anche: