Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Acraf S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Acraf S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Scheda Finocchio (Foeniculum vulgare)

Scheda Finocchio (Foeniculum vulgare)

Dossier - Scheda Finocchio (Foeniculum vulgare)



Famiglia: apiaceae.

Habitat: originario del bacino del Mediterraneo, ma attualmente diffuso anche in Europa centrale, inEuropa orientale e in Cina.

Parte usata: i semi. 

Preparazioni farmaceutiche consigliate: estratto secco nebulizzato e titolato in essenza min. 2% (farmacopea italiana x). la dose giornaliera dell'estratto secco va da 10 a 12 mg. per kg di peso corporeo, suddivisi in due somministrazioni da prendersi circa 30 minuti prima dei due pasti principali. 

Composizione chimica: è una pianta ricca di olio essenziale, contenendone tra l'1% e il 2%. 

Indicazioni principali: sindrome del colon irritabile, coliche gassose del lattante, insufficienza digestiva.

Azione prevalente: antimeteorica e antispasmodica viscerale.

Altre azioni: digestiva.

Effetti collaterali: In alcuni pazienti può insorgere allergia, in genere con sintomi buccali quali infiammazioni della lingua e delle gengive con prurito e bruciori. Sembra che l'allergia al Finocchio sia crociata con quella alle mele.

Controindicazioni: non note. 

Interazioni con farmaci: E' stato dimostrato che nel ratto l'estratto di finocchio riduce notevolmente la biodisponibilità della ciprofloxacina, un noto antibiotico, interferendo con l'assorbimento, la distribuzione e l'eliminazione del farmaco e riducendone quindi l’efficacia.

Dati tossicologici: E' stata valutata la tossicità dell'estratto secco di finocchio nel ratto sia in acuto sia in cronico. In acuto venivano somministrate dosi di 0,5, 1,0 e 3 g per kg di peso in 24 ore, mentre in cronico il dosaggio era di 100 mg per kg di peso al giorno per 90 giorni. Non è stato osservato alcun effetto collaterale né sono state notate alterazioni negli organi degli animali.

14-11-2013

Potrebbe interessarti anche: