Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Acraf S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Acraf S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Disturbi femminili, un aiuto dalle piante

Disturbi femminili, un aiuto dalle piante

Dossier - Disturbi femminili, un aiuto dalle piante



Enotera, borragine, dioscorea, calendula sono alcune tra le piante più utili per superare i sintomi della sindrome premestruale e delle forme infiammatorie legate all'apparato genitale. Spesso i fitoterapici non si sostituiscono alla terapia farmacologica, ma sono un valido coadiuvante della terapia classica

Di Laura Bernardi
Tratto da Farmacia News 2005

L'apparato genitale femminile può andare incontro a diversi problemi sia durante il periodo fertile sia in menopausa a causa della sua complessità anatomica e funzionale.

Tra questi sono molto comuni i disturbi correlati al ciclo mestruale, che vanno sotto il nome di sindrome premestruale, e quei piccoli o grandi fastidi d'origine infiammatoria, infettiva o d'altro genere che spesso la donna deve affrontare.

La sindrome premestruale affligge numerose donne in diverse fasce di età e inizia gradualmente nella seconda parte del ciclo ovarico, raggiungendo l'apice prima del flusso mestruale. Uno dei sintomi più frequenti e fastidiosi è la tensione premestruale, che compare 6-7 giorni prima del flusso, accompagnata da variazioni dell'umore, ansia, irascibilità e irrequietezza, senso di insicurezza e talvolta depressione.

Altri sintomi comprendono la tensione mammaria, la ritenzione idrica con conseguente senso di gonfiore generalizzato, la cefalea o emicrania mestruale, i dolori muscolari e articolari diffusi, i dolori addominali, fino ad arrivare alla dismenorrea (mestruazione dolorosa), che spesso obbliga ad assumere antidolorifici, antinfiammatori o antispastici per alcuni giorni ogni mese.

La dismenorrea rappresenta in realtà l'esaltazione della normale fenomenologia che, in quasi tutte le donne, accompagna in forma lieve la mestruazione e il termine andrebbe quindi utilizzato solo quando il fenomeno si manifesta in modo molto marcato.

Nei casi descritti, alcuni rimedi fitoterapici si propongono come coadiuvanti delle terapie classiche anche se solo raramente come valida alternativa alla terapia farmacologica.


Bibliografia

Disturbi femminili, un aiuto dalle piante
Di Laura Bernardi

Tratto da Farmacia News 2005

  1. Bruneton J, Phytotherapie pharmacognosie plantes medicinales, Tec. & Doc., 1999
  2. Brush M.G. et al., Am. J. Obstet. Gynecol. 150 (4): 363-6, 1984
  3. Poulakka J. et al., J. of Reproductive Medicine 30 (3): 149- 53, 1985
  4. Chevallier A., Encyclopedia of Medicinal Plants, New York, NY: DK publishing 149, 1996
  5. Kuruuzum-Uz A.E. et al., Phytochemistry 63: 959-64, 2003
  6. Taylor M., Clin. Obstet. Gynecol. 44: 853-63, 2001
  7. Leung A.Y., Encyclopedia of Common Natural Ingredients, New York 151, Wiley and Sons, 1996
  8. Huddleston M., Jackson E.A., J. Fam. Pract. 50: 298, 2001
  9. Brinker F., J. Naturopathic Med. 7: 11-26, 1996
  10. Campanini E., Dizionario di fitoterapia e piante medicinali, Tecniche Nuove, 1998
  11. Modificato da Cagnola C., Botticelli A.M., La salute foglia per foglia, Mondadori 1998


 

14-11-2013

Potrebbe interessarti anche: