Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Acraf S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Acraf S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Peso, sovrappeso e obesità

Peso, sovrappeso e obesità

Dossier - Peso, sovrappeso e obesità



Esistono diversi sistemi di misura per stabilire se si è nel giusto peso, se si è sovrappeso o, addirittura, se si è obesi. La semplice misurazione del peso corporeo non è sufficiente perché è basata su un solo parametro, il peso appunto.
Uno dei sistemi più usati è l'indice di massa corporea (BMI, in inglese Body Mass Index). Il BMI esprime il rapporto fra il peso, espresso in chili, e l'altezza elevata al quadrato, espressa in metri (kg/m²).
Se, ad esempio, si pesa 59 kg e si è alti 1,70 m, l'indice di massa corporea sarà pari a 20 (59/1,70²).
Secondo le stime dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, un peso normale varia da un BMI di 18 a uno di 25. Il soprappeso è pari a un BMI superiore a 25. Un peso sotto la norma ha un BMI inferiore a 18. Il range tra 25 e 30 indica uno stato di preobesità. L'obesità è definita da un BMI superiore a 30. L'obesità patologica ha un BMI superiore a 40. Infine, la super-obesità, o obesità di terza classe, è espressa da un BMI superiore a 50.
Il BMI permette anche di esprimere il peso ideale, che per le donne è pari a 20,8 e per gli uomini a 22. Naturalmente, l'indice di massa corporea ha dei limiti. Ad esempio, non tiene conto del fatto che il peso del corpo è determinato anche dai muscoli, dalle ossa e dai liquidi. Ma rimane lo strumento più valido e utilizzato.

Esistono poi dei sistemi di misura propri dell'obesità.
Uno di questi è il rapporto fra il giro-vita e il giro-fianchi (in inglese Waist-Hip Ratio). Serve anche a determinare dove si concentra maggiormente il grasso. Se si concentra intorno alla vita si parla di obesità androide o addominale Se si concentra intorno ai fianchi si parla di obesità ginoide o gluteofemorale.
Un rapporto maggiore di 0,95 negli uomini indica un'obesità addominale, inferiore a 0,95 indica un'obesità gluteofemorale. Nelle donne il valore discriminante è 0,85.
C'è anche la misurazione della circonferenza addominale, che si esprime in centimetri. Una circonferenza superiore a 94 per gli uomini e a 80 per le donne indica che si è a rischio di complicanze metaboliche. Una circonferenza superiore a 102 per gli uomini e a 88 per le donne indica che si è ad alto rischio di complicanze metaboliche.

15-11-2013

Potrebbe interessarti anche: