Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Acraf S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Acraf S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Artrite o artrosi?

Artrite o artrosi?

Dossier - Artrite o artrosi?



Esiste spesso un po’ di confusione circa le differenze tra artrite e artrosi, due malattie reumatiche che, invece, hanno cause e conseguenze diverse.

L’artrosi  è particolarmente diffusa tra la popolazione che ha superato i 65 anni. È causata dal progressivo assottigliamento della cartilagine che riveste i capi ossei delle articolazioni. Il deterioramento della cartilagine, provocando un crescente attrito tra le ossa dell’articolazione, produce la formazione degli osteofiti, ovvero degli “speroni ossei”, che causano un irrigidimento progressivo dell’articolazione, fino all’immobilità completa.
Normalmente l’artrosi colpisce le articolazioni maggiormente sollecitate come ginocchia, anche, spalle, mani, piedi e colonna vertebrale.
Il dolore è accompagnato da deformazione ossea, tumefazione articolare, e progressiva limitazione del movimento.

L’artrite può colpire qualsiasi fascia d’età. Ne esistono di diversi tipi, ma quella più diffusa è senz\'altro l\'artrite reumatoide che colpisce più spesso le donne tra i 40 e i 60 anni di età, ma che può anche colpire i bambini (artrite giovanile).
Tutti i tipi di artrite sono accomunate dallo stesso fenomeno infiammatorio a carico del tessuto sinoviale, ovvero il rivestimento delle articolazioni incaricato di produrre il liquido necessario alla lubrificazione delle giunture ossee.

L’artrite causa rigidità dell’articolazione, dolore, calore, tumefazione articolare e dei tessuti circostanti, rossore.  In alcuni casi stanchezza, febbre, anemia.

Un’ulteriore differenza tra le due malattie reumatiche è data dalla tipologia del dolore che le caratterizza. Il dolore causato dall’artrosi è infatti di tipo meccanico, mentre quello tipico dell’artrite è di tipo infiammatorio.

Il dolore meccanico dell’artrosi tende ad aumentare con l’attività fisica o a causa di posture che sollecitano la parte interessata. Si riduce con il riposo ed è causa di una temporanea rigidità mattutina che va attenuandosi dopo circa una mezzora dal risveglio.

Il dolore infiammatorio dell’artrite si manifesta con più facilità durante la notte e le prime ore del mattino. E’ sempre associato a rigidità articolare. L’attività fisica è normalmente consigliata per alleviare il dolore e la rigidità.


Bibliografia

15-11-2013

Potrebbe interessarti anche: