Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Angelini S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Angelini S.p.A. impiega cookie di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Proseguendo la navigazione sul sito mediante l’accesso a qualunque sua area o la selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un’immagine o di un link) acconsentirai all’uso dei cookie. Al seguente link troverai la nostra informativa estesa sui cookie con la descrizione delle categorie presenti e i link con le informative delle terze parti quali titolari autonomi del trattamento nonché avrai la possibilità di decidere quali cookie autorizzare ovvero se negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookie.

Indicazioni e interazioni del Ginseng

Indicazioni e interazioni del Ginseng

Dossier - Indicazioni e interazioni del Ginseng



Indicazioni principali: deperimento psico-organico, magrezze, riduzione della memoria, calo dell’appetito. Utile per migliorare la performance sportiva.

Azione prevalente: tonica psico-fisica.

Altre azioni: immunostimolante aspecifica, ipoglicemizzante, epatoprotettiva.

Effetti  collaterali: può causare nervosismo, irritabilità, insonnia e fini tremori agli arti. Tali disturbi non sono frequenti e si verificano solo se vengono somministrati dosaggi elevati, magari per periodi di tempo prolungati. Per questi motivi è opportuno non somministrare l’estratto di ginseng dopo le ore 16 e per periodi di tempo non superiori a 45-60 giorni consecutivi.

Controindicazioni: Da usare con molta cautela nel bambino al di sotto dei 12 anni di età e nel paziente con grave ipertensione arteriosa. Controindicato nell\'allattamento e in gravidanza, per possibili alterazioni agli organi genitali del feto, specialmente se è di sesso femminile.

Interazioni con farmaci: Il Ginseng può ostacolare l'azione dei farmaci antidepressivi triciclici, può aumentare i livelli di digossina nel sangue e può interferire, potenziandola, con l’azione farmacologica di alcuni farmaci anticoagulanti.
Sembra anche che il ginseng possa aumentare l'effetto farmacologico dei cortisonici e degli estrogeni.

E' stato anche riportato che questa pianta può causare cefalea, tremori e importanti disturbi psichici in pazienti trattati con fenalazina solfato.

Famiglia: Araliaceae.

Habitat: è originario dell'Estremo Oriente, in particolare della Corea e della Cina, ma viene coltivato estesamente anche negli Stati Uniti, nel Sud-Est asiatico e in Giappone.

Parte usata : la radice.

Preparazioni  farmaceutiche consigliate: estratto secco nebulizzato e titolato in ginsenosidi totali (min.1,5%) (Farmacopea Italiana X). Il suo dosaggio giornaliero va da 3 a 5 mg per kg di peso corporeo, da non somministrare in genere per più di 45-60 giorni consecutivi. Non somministrare dopo le ore 16-17. Va suddiviso in due somministrazioni, una fra le ore 7 e le ore 8 e l'altra fra le ore 15 e le ore 16.

Composizione  chimica: è considerata una pianta ricca di saponosidi, e infatti ne contiene circa 20, detti ginsenosidi. Contiene anche polisaccaridi e polipeptidi ad azione simile a quella dell’insulina.

15-11-2013

Potrebbe interessarti anche: