Web Analytics
Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo sito, Acraf S.p.A. utilizza dei cookie (piccoli file salvati sul tuo hard disk). Acraf S.p.A. impiega cookies di terze parti che consentono, a queste ultime, di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione. Per maggiori informazioni consulta l’informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. L'utente è consapevole che, proseguendo nella navigazione del sito web, accetta l'utilizzo dei cookie.

Riconoscere i propri limiti

Riconoscere i propri limiti

Dossier - Riconoscere i propri limiti



Se ci si sente spesso stanchi, la prima mossa da fare è un esame del proprio comportamento. La cosa più difficile è riconoscere i propri limiti, prendendo coscienza che le nostre risorse non sono infinite.

Estenuanti orari di lavoro e sforzi fisici, così come l’intenso studio in coincidenza degli esami, rubano all’organismo molta energia, energia che in qualche modo deve essere recuperata: è fondamentale un buon sonno, un’alimentazione equilibrata e anche una adeguata distensione mentale.

Va considerato che, oltre agli impegni classificati come “lavoro”, esistono attività che contribuiscono ad aumentare il livello di stanchezza e stress: gli spostamenti sui mezzi di trasporto, un pranzo troppo pesante, la sovrapposizione delle faccende quotidiane che rende impossibile svolgere bene ogni singola cosa.


Bibliografia

  • Nico Valerio, Manuale di terapie con gli alimenti, Arnoldo Mondadori Editore, 1995.
  • Dement Vaughan, Il sonno e i suoi segreti, Baldini Castoldi Dalai, Milano 2004.
  • Biofactors. 2006;26(2):147-59.
  • J Psychopharmacol. 2006 Mar 13.
  • Psychol Med. 34(1):51-61, 2004.

15-11-2013

Potrebbe interessarti anche: